lunedì 6 dicembre 2010

come si paga e chi paga la malattia della badante?

Si paga nel prospetto paga (nella busta paga mensile).
La paga il datore di lavoro secondo questa regola del contratto:

il 50% della paga normale per i primi tre giorni (cioè metà paga), poi il 100% della paga per i giorni successivi (cioè paga intera come se si stesse lavorando).
I giorni massimi di malattia pagati non però sono infiniti, ma dipendono da quanto tempo si sta lavorando dallo stesso datore di lavoro.
La conta si inizia dal primo giorno di lavoro effettivo dopo aver superato il periodo di prova
1) per chi ha fino a 6 mesi di lavoro la malattia pagata è massimo di 8 giorni ogni anno.
2) per chi ha lavorato da 6 mesi a due anni la malattia pagata è di massimo 10 giorni fatti nello stesso anno.
3) per chi ha lavorato per più di due anni la malattia massima pagata è di 15 giorni nello stesso anno.

80 commenti:

  1. se la badante è assunta regolarmente adesso paga la piccola assicurazione obbligatoria che hanno, salvo i primi giorni a carico del datore di lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buongiorno se la badante ha terminato tutti i giorni che le spettano di malattia e l inps non la paga come funziona?

      Elimina
    2. la badante non è pagata dall'Inps quando va in malattia. E' il datore di lavoro che paga fino ad un massimo di 15 giorni con percentuali varie dello stipendio giornaliero. Finiti quei quindici giorni la badante è senza paga anche se conserva il suo posto di lavoro (almeno finchè non rientra) però può essere licenziata il primo giorno di lavoro successivo alla malattia. La durata della malattia può essere diversa in funzione del periodo diverso d'anzianità di lavoro presso la stessa famiglia.

      Elimina
    3. Vedo una certa confusione. Alla badante non spettano TOT giorni anno di malattia all'anno come spettano invece dei giorni fissi di ferie. La malattia non è una spettanza ma dei giorni regolamentati che possono essere necessari in caso di malattia. La badante non ha diritto ogni anno a dei giorni di malattia da consumare. Ci sono dei giorni che in caso di malattia possono essere utilizzati protetti da "pericolo licenziamento" e parzialmente pagati comunque dal datore di lavoro. Se però una persona prende l'abitudine di ammalarsi per diritto finirà per essere licenziata

      Elimina
    4. Nessuno obbliga le badanti a rimanere in Italia........vi sono altri paesi...Francia, Germania, Polonia, certo è che anche in Italia le vacche grasse sono finite...PER TUTTI

      Elimina
  2. la malattia va segnata e pagata nella busta paga purtroppo è a carico del datore di lavoro ma per un massimo di 15 giorni.

    RispondiElimina
  3. HO LA BADANTE DI MIA MADRE ASSUNTA IN SETTEMBRE 2012 CHE DOVRà RICOVERARSI A FEBBRAIO E NE AVRà SICURO PER UN MESETTO ABBONDANTE, DOVRò PAGARE TUTTA LA BUSTA PAGA PIù CONTRIBUTI??( 920 EURO PIù LA REGOLA )
    GIA è STATA UNA DECINA DI GIORNI IN OSPEDALE RICOVERATA E LA BUSTA PAGA ERA PRATICAMENTE INTERA, IN PIù HO DOVUTO PAGARE LA SOSTITUTA ESSENDO SCOPERTO CON MIA MADRE.

    SUCCEDERà LO STESSO? PRATICAMENTE DOVRò PAGARE 2 PERSONE, UNA PER CASA E L'ALTRA IN OSPEDALE?? MA I CONTRIBUTI CHE VERSIAMO NON SEVONO ANCHE A QUESTO??

    PAOLO AZZANI CESENA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché voi se state male non andate in malattia. . tirate il sangue alle badanti e vi lamentate pure. . più torto preoccupatevi di pagare le ore giuste di lavorare fanno perché dichiarate sempre meno di quello che lavorano. . Giorno e notte e poi se risultano 25 o 40 ore è tanto. . All'ora chi evade il fisco voi datori di lavoro e poi ti lamentate se vi denunciano o chiedono all'ispettorato del lavoro i loro diritti se le licenziate ingiustamente. . vergogna la mutua e malattia e un diritto di tutti. .

      Elimina
    2. prima di parlare lavati la bocca, 5 h di lavoro al giorno ,pagando € 1.400 di contributi all'anno,ti chiedo perchè deve pagare il datore di lavoro(ossia una novantenne)se la badante sta male , lo stato fa pagare i contributi alle persone anziane solo per far cassa,

      Elimina
    3. È a carico del datore di lavoro,perché trattasi di contratto nazionale come gli operai e tutti.io sono badante da 2 anni e ora x un mese ho un gesso x frattura,che faccio vado a lavorare ugualmente x loro che sono solo degli sfruttatori???? In regola si ma le badanti le trattano come schiave.vergognatevi chi ha una badante anche lei non e una macchina,sfruttate di meno e pagate,perche la gente lavora giustamente!!!!

      Elimina
    4. anche io faccio badante ed veramente si aprofitano tutti e una vergognia ..poi malatia che non si paga .MA CHI SIAMO SCHIAVE .. MALEDETO QUESTO STATO E LE SUE LEGGI DI MERDAAAAAAAAAAA

      Elimina
    5. HAI PERFETAMENTE RAGIONE...SIAMO SCHIAVE PER UN PUGNO DI EURO CI LASCIAMO LA PELLE OUI....

      Elimina
    6. io sono badante da 2 anni e x un mese che sono a casa x un problema di salute stanno gia' pensando di licenziarmi!! sono in regola per un anziano non autosufficente,ma gli anziani non autosufficenti sono 2!! in piu la signora datore di lavoro mi fa fare anche tutte le faccende sue e del marito lasciando ogni giorno un orrore e dando un tempo part time di 4 ore al giorno.sfruttamento allo stato puro.cosa posso fare visto che dovrei assistere solo un anziano ma mi fanno lavorare x 4????

      Elimina
    7. Care signore,tornate nei vostri paesi a lavorare per 100 euro al mese,siete uscite dalla miseria e adesso volete la luna

      Elimina
    8. IO INVECE SE MI METTO IN MALATTIA COME E' ACCADUTO L'ANNO SCORSO, MI SONO STATI DETRATTI PUR AVENDO PRESENTATO REGOLARE CERTIFICATO MEDICO. NON SOLO IN BUSTA RISULTA CHE PRENDO 1200€ INVECE LA MIA DATRICE ME NE DA SOLO 500€ TUTTO IL RESTO LO TIENE LEI COL MIO LAVORO E SUDORE. SE FACCIO ORE IN PIU' NON MI VENGONO PAGATE ED ORA LE FARO' UN BEL REGALINO!!!! mI SONO ROTTA.

      Elimina
    9. Caro Marghy62, non parlare cosi ,guarda che anche voi aveti dei conazionali che lavorano al estero xche non si accontentano del stipendio di qua, quindi lavati la boccuccia prima di mandarcene nel nostro paese, ok? se siamo scapate del nostro paese si vede che vogliamo una vita migliore -non sempre la schiavitu

      Elimina
    10. Paolo Azzani,
      I contributi che si pagano vanno all'Inps e non all'Inam. Cioè servono perla previdenza sociale, in pratica per la pensione. Fino a 15 giorni paga il datore di lavoro non sempre per intero poi non paga più nessuno o meglio in caso di ospedale paga la Cassa Colf. purtroppo non c'è ancora una regolamentazione completa per le badanti in malattia (è una croce per la famiglia e per la badante)

      Elimina
    11. Il problema non è semplice, non si può fare un confronto tra il lavoro in famiglia e quello in fabbrica e comunque chi va all'estero sa già di partenza che lo pagheranno meno dei nativi di quel luogo perchè a pari prezzo si assumerebbero persone con la stessa lingua e stesse abitudini. Avevo una badante che non capiva perché gli italiani pagavano la paga minima per una straniera mentre erano disposti a pagare di più un'italiana, poi però andava dal gommista, meccanico, negoziante rumeno perché facevano prezzi "più onesti"

      Elimina
    12. tutti chiedono e adesso fanno anche dimostrazioni di piazza. E' assurdo, perchè questa gente non fa manifestazioni a casa propria?

      Elimina
    13. E' sempre più in evidenza che affidandosi ad un'agenzia giusta è meglio. La maggior parte delle agenzie vi chiederanno 1300-1600 Euro mese per 12 mesi e basta. Vi faranno una fattura che potrete parzialmente mettere nella vostra denuncia dei redditi. Non potrete portare n deduzione i 1500 circa di contributi ma i vantaggi ripagano ampiamente di questa mancanza. Innanzi tutto tutte le agenzie normali, sono assicurate contro danni, furti e incurie varie e non è poco visto che ci sono badanti che addirittura si fanno dare dagli anziani la casa. Non avrete vertenze a fine lavoro perchè fruite di un servizio e il vostro interlocutore è l'agenzia e non la badante straniera che si parcheggia in casa vostra e vuole comandare. Se non vi piace la persona che vi mandano ve la cambiano. Se la badante si ammala ve ne mandano un'altra senza doverne pagare due (quelle che si lamentano come dipendenti con l'agenzia diventeranno socie di una cooperativa o dovranno minimo aprirsi una partita IVA).Quando la badante andrà in ferie ve ne manderanno un'altra e non ne pagherete due, non pagherete tredicesima e TFR a fine lavoro. La badante che vi manderà l'agenzia non sarà migliore di quella che prendereste voi, potrebbe essere la stessa anche se vi diranno che le loro fanno corsi e sono selezionate. Quasi mai è vero ma una cosa è certa, non vanno a cercarsi grane quindi vi manderanno solo gente che lavora e non da problemi soprattutto a loro e di riflesso a voi.

      Elimina
    14. non si può prendere 500 e firmare che se ne prende 1200, siamo matte è una truffa. e poi chi paga le tasse su 1200 euro? denunciare subito è un furto di 700 euro tutti i mesi

      Elimina
  4. INPS previdenza sociale cioè pensione.
    I primi 15 giorni sono a carico del datore di lavoro poi chi s'è visto s'è visto.
    Però adesso le badanti hanno una loro assicurazione sono circa 3 euro al mese che si pagano assieme ai contributi inps che servono per una assicurazione. non so bene come funziona ma mi pare occorra fare una denuncia all'INAM che è la previdenza malattia. Mi informo poi ti scrivo qui quel che ho trovato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quella micro assicurazione che si pagano, circa 50 centesimi al mese (il resto lo paga il datore di lavoro serve solo in caso di ricovero ospedaliero). Le badanti credono che lo stato paghi per tutti, ma non sanno che lo stato prende i soldi dalle nostre tasche/tasse loro hanno 8000euro i franchigia sui quali non pagano il 27% di tasse. Le badanti non sanno che un cittadino prende tutti i soldi che riceve fino a Giugno e li da allo stato e che solo da Luglio la paga è sua. In Italia la tassazione sul reddito e circa del 50% e cioè un italiano su 100 che prende, 50 li ritorna allo stato.

      Elimina
    2. quella micro assicurazione che si pagano, circa 50 centesimi al mese (il resto lo paga il datore di lavoro serve solo in caso di ricovero ospedaliero). Le badanti credono che lo stato paghi per tutti, ma non sanno che lo stato prende i soldi dalle nostre tasche/tasse loro hanno 8000euro i franchigia sui quali non pagano il 27% di tasse. Le badanti non sanno che un cittadino prende tutti i soldi che riceve fino a Giugno e li da allo stato e che solo da Luglio la paga è sua. In Italia la tassazione sul reddito e circa del 50% e cioè un italiano su 100 che prende, 50 li ritorna allo stato.

      Elimina
    3. Salve. Mia sorella fa la badante da 2 anni alla stessa famiglia. Nel 16 settembre è stata ricoverata tramite PS , operata il giorno dopo e dimessa dopo altri 2 giorni. È stata male , è tornata al PS , l'hanno di nuovo ricoverata per altri 4 giorni. Gli hanno dato altri 10 giorni di convalescenza. La dattrice di lavoro gli ha già detto che può stare finché vuole in mutua , ma lei non la pagherà. ..
      È giusto ?? Mia sorella ha avuto un intervento chirurgico al cuore, poi ha fatto un embolie polmonare. Non è proprio un "raffreddore "!!!!!

      Elimina
    4. per il contratto che una persona abbia fatto un raffreddore con un po' di febbre o un trapianto di cuore non ha importanza anche se per chi si ammala le due cose sono ben diverse. Per chi a fatto due anni di lavoro dallo stesso datore di lavoro il posto è conservato per 45 giorni di malattia. Con più di due anni il posto è conservato per 180 giorni. La conservazione del posto non coincide però con la paga anche in caso di malattia. Il datore di lavoro è tenuto a pagare un massimo di 15 giorni anno solare (all'interno di un periodo di 365 giorni da l'ultima malattia). Se c'è contratto regolare paga però la cassa COLF per i giorni d'ospedale (anche li è un periodo limitato). I giorni di malattia a casa sono pagati in modo diverso e cioè metà paga per i primi tre giorni di malattia, poi la paga è intera fino al termine del periodo di malattia fissato dal contratto. E' importante sapere se il lavoro dura da meno di due anni presso lo stesso posto (allora si ha diritto massimo di 10 giorni di malattia pagati) o più di due anni presso lo stesso datore di lavoro ( in questo caso si ha diritto a 15 giorni massimo retribuiti).

      Elimina
    5. adesso per gravi malattie o gravi operazioni ci sono più tutele per la badante

      Elimina
  5. i primi tre giorni di malattia la paga è metà poi per i successivi 8, 10 o 15 (dipende dall'anzianità di servizio) giorni la paga è piena. Se la badante è ricoverata e poi andrà in convalescenza (quindi prosieguo della malattia, avrà diritto (se convivente) a vivere questo periodo nella casa dove lavora.
    Se si tratta di maternità e non di malattia è previdenza sociale e paga l'INPS (bisogna avvertire questi signori dell'Inps, altrimenti di loro se ne stanno quatti quatti, zitti zitti).

    RispondiElimina
  6. Devono essere stati versati contributi alla Casscolf per almeno 4 trimestri consecutivi per un importo almeno di 25 Euro totali (quindi purtoppo non è il caso di:

    PAOLO AZZALI CESENA (con un'assunzione troppo fresca)

    La CassaCOLF (clicca per vedere) non centra nulla con l''Inps ed è una specie di assicurazione obbligatoria e privata anche se consociativa.
    Da diversi vantaggi (se pagata) ad esempio un parziale rimborso dei ticket, 20 Euro di rimborso per ricoveri ospedalieri e giorni di convalescenza ecc. ecc. il rimborso deve essere chiesto entro i successivi 12 mesi pena la perdita di ogni diritto.
    Le domande da inoltrare a CassaCOLF sono a carico del datore di lavoro che paga una sua parte, poco più di un euro al mese, (ugual cifra è a carico della badante che però il datore di lavoro spesso si accolla).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La CASSA COLF rimborsa i seguenti:
      - ticket per visite specialistiche incluse ecografia, RMN, interventi chirurgici in regime day ospital.....rimborso integrale per un totale di 300 euro al anno (01 gennaio-31 dicembre);
      - 30 euro al giorno per la convalescenza (per un massimo di 15 giorni/anno)
      - altre cure che trovate con tutti i detagli su www.cassacolf.it
      Requisiti:
      - presentare la domanda entro 12 mesi;
      - quatro trimestre (anteriori alla visita) di contributi ( voce F2 sulla ricevuta del pagamento INPS ricevuto dal datore di lavoro) per un totale di 25 euro;
      Lavoro come collaboratrice domestica da 5 anni è mi spiace sentire che altre persone che fanno questo lavoto hanno dei problemi con i datori di lavoro. Sono stata sempre pagata regolarmente.
      Riguardo CASSA COLF vi parlo per la mia esperienza, sono molto gentili e ho avuto i rimborsi sul conto in circa 2 mesi dalla presentazione della domanda.
      Auguro un mondo di bene a tutti!

      Elimina
  7. So solo che in questo trafficato di lavoro al datore di lavoro tocca solo pagare e aspettare che la badante decida di tornare con la compiacenza del solito medico esterofilo e umanitario e misericordioso quando i soldi sono degli altri

    RispondiElimina
  8. se la badante fa una malattia di 30 giorni per 15 prende poca paga e per gli altri 15 non prende nulla vi pare giusto che la situazione sia diversa da una cameriera d'albergo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cameriera di un albergo non ha vitto e alloggio pagati se vuole mangiare deve fare la spesa , pagare l'affitto o il mutuo...

      Elimina
    2. Io faccio la badante da 5 anni x 8 ore al GG x 6 GG a settimana. Pago l'affitto mi faccio la spesa le bollette ecc...e pago anche le tasse. E non poco!!!, e se mi ammalò ho diritto a 15 GG all'anno pagati !!! Rispondi adesso.....

      Elimina
    3. Paghi anche le tasse? In Italia tutti i lavoratori dipendenti pagano le tasse ogni mese.

      Elimina
    4. Un dipendente di un'azienda paga molte più tasse e molti più contributi. La badante basta che lavori poche ore per avere l'assistenza sanitaria gratuita e la disoccupazione. Una famiglia non potrebbe e la badante non vorrebbe. inoltre se va in malattia una cameriera un'altra far un po di più del suo lavoro ma una famiglia non può avere due o tre cameriere. Il muratore che viene da me si paga lui la malattia è un artigiano. Se non si vogliono queste condizioni basta andare a fare le pulizie sotto un'impresa. La famiglia dando lavoro non ha nessun profitto e quando la badante va in malattia ha spese doppie. Lo stato non può dare più di quel che prende e le badanti sono bravissime ad usufruire tutte le opportunità per non far nulla prendendo il massimo della paga possibile. Andate a lavorare per le agenzie così vi dicono di fare la partita Iva e non vi pagano nemmeno le ferie

      Elimina
    5. il contratto, i sindacati, e l'Inps questo hanno deciso e concordato. Se qualcosa non va bene andate da loro e reclamate. Fatevi un sindacato vostro, fate le sindacaliste.

      Elimina
    6. La gente viene in Italia a mungere la vacca e a noi resta letame e fieno da provvedere. Sembra che questa sia la patria dei diritti solo per gli stranieri. Voglio un governo che chiuda i rubinetti e vogli pari diritti degli stranieri. A mia madre non concedono nemmeno i pochi spiccioli di agevolazioni su luce e gas perchè pur prendendo la pensione minima vive in casa propria. a uno straniero danno 50euro giorno per vivere e se ha lavoro e lo perde gli danno la disoccupazione e intano noi tiriamo la cinghia

      Elimina
    7. I sindacati e il governo non hanno capito nulla di questo lavoro. La paga alla badante sembrerà anche poca ma sono rare le badanti che vivono situazioni realmente pesanti, la maggior parte di esse fa vita da casalinga. I sindacati non capiscono che la famiglia da questo lavoro non trae profitti e quindi non si possono fare vertenze e contratti a paghe accessibili solo a poche famiglie ricche. Il governo non si rende conto di tutelare molto più il lavoro della badante che non il supporto alla famiglia. Ci sono soldi per tutti, badanti, ospizi, cooperative per assistenza domiciliare, alla famiglia nulla, anzi la famiglia e solo un prodotto sul quale lavorare e la famiglia sopporta il vero disagio della vecchiaia mentre gli altri si lamentano di guadagnarci poco.

      Elimina
  9. il mio dattore di lavoro nn mi e pagato il contributi per 5 anni. COSA DEVO FARE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vai da un sindacato e fai una vertenza oppure chiedi un accordo con il tuo datore di lavoro per ripianare il debito

      Elimina
  10. vorrei ricordare alle badanti che loro hanno ragione che per loro e' un lavoro come un altro,ma la differenza e' che i loro datori di lavoro sono anziani con la pensione,non imprenditori miliardari!

    RispondiElimina
  11. leggedo queste risposte mi vengono i brividi, siete della gente di merda che nemmeno sa di cosa si sta parlando, poi vi nascondete nell'anomimato, non è giusto pagare contributi e tutto il reso poi dovere pagare anche quando sono in malattia!!! è assurdo, non è sostenibile busta paga, contributi e anche la malattia!!! voi che criticate tanto vi auguro che ne abbiate bisogno e che si piazzino in malattia ogni mese, non vi meritate altro .
    paolo azzani

    RispondiElimina
  12. pagate un pochino di piu e prendetele italiane,,,,, all'estero molti alberghi e anche alcune compagnie aeree non accettano russi polacchi rumeni....un motivo ci sara' no? maleducati sporchi e incivili... sono abituati a bere e le donne che vengono qui hanno i mariti a casa con cirrosi diabete o altro... lavoro in un supermercato e loro ce l.hanno nel dna l.alcool... alle 8 arrivano a comprarsi le loro bottiglie.... e all'estero si distinguono sempre per essere cafoni e arroganti.... ma per fortuna in tanti posti non lilasciano piu entrare.... in casa mia preferisco una persona di colore , di qualsiasi razza ma assoltamente no a quelle persone dell'est....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si fa che nelle vostre case lavorano solo i polacchi, russi, rumeni?
      Perché si, hanno bisogno di lavorare e voi li sfruttate al massimo per un pugno di soldi,e fanno il lavoro di un vostro italiano, che non farebbe mai questo lavoro o comunque non per pochi soldi .Voi non siete capaci a capire cosa vuol dire stare chiusi in una casa 24 su 24, lontani da casa, dai famigliari, o peggio dai figli piccoli lasciati dai nonni per dare a loro una vita migliore. Da come va l'Italia, vi auguro con tutto il cuore che un domani sarete voi e i vostri figli a fare questi sacrifici, lontani dai vostri cari e mi auguro che anche voi sarete trattati male, umiliati e sfruttati.Vergognati.
      Un saluto.(rumena)Florentina

      Elimina
    2. ma invece di dire "Voi non volete fare questi lavori" perchè voi li fate? Non fateli nemmeno voi. Non vi veniamo a prendere per forza all'estero. se una persona non vuole fare un lavoro non lo fa. Ci sono tanti italiani che vanno all'estero a fare lavori che svizzeri, americani ecc. che non vogliono fare ma sono ben contenti di fare questi lavori perchè guadagnano molto più di quanto prenderebbero in Italia.

      Elimina
  13. Sei una persona mal educata. In pochi parole sei una o un STRONZA/O

    RispondiElimina
  14. la badante che si ammala troppo è meglio resti a casa sua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che tua figlia arivera la badante in Africa mortaci tua

      Elimina
    2. MA LI MORTACI TUA per che non vi pulite da soli il culo di vostri noni ,e di vostri parenti pezzi di merda .. vi piace solo fare le signiore in vece di avere cura di vostri genitori e di vostri parenti malati

      Elimina
    3. L'unica cosa che sai dire bene è "a li mortaci tua" (è un romanesco detto alla rumena, visto che la "ci" doppia non ti viene). Una domanda: "tu sei in Italia per lavorare o sei venuta qui per fare la signora?". Chi lavora dovrebbe essere contenta di avere un lavoro e dovrebbe guardare a come fa il proprio lavoro non a quel che fa chi gli da lavoro. Nessuno costringe nessuna a restare in Italia, basta tornare in Romania o tentare in Germania dove pagano meglio e dove i datori di lavoro pagano i loro dipendenti per farli stare in vacanza.

      Elimina
    4. "A LI MORTACI TUA" tu devi essere l'ennesima straniera del solito paese che viene qui con la pretesa di essere pagata per fare la signora. Tornatene da dove sei venuta.

      Elimina
    5. Come si fa che nelle vostre case lavorano solo i polacchi, russi, rumeni?
      Perché si, hanno bisogno di lavorare e voi li sfruttate al massimo per un pugno di soldi,e fanno il lavoro di un vostro italiano, che non farebbe mai questo lavoro o comunque non per pochi soldi .Voi non siete capaci a capire cosa vuol dire stare chiusi in una casa 24 su 24, lontani da casa, dai famigliari, o peggio dai figli piccoli lasciati dai nonni per dare a loro una vita migliore. Da come va l'Italia, vi auguro con tutto il cuore che un domani sarete voi e i vostri figli a fare questi sacrifici, lontani dai vostri cari e mi auguro che anche voi sarete trattati male, umiliati e sfruttati.Vergognati.
      Un saluto.(rumena)Florentina

      Elimina
    6. In questi giorni il Canton Ticino ha votato per il blocco dei lavoratori frontalieri (lavoratori italiano che partono ogni giorno alle 5 dall'Italia vanno in Svizzera a lavorare e tornano ogni giorno alle 21 alle loro case in Italia).Gli italiani lavorano in Svizzera ad una paga inferiore agli svizzeri e per lavori che gli svizzeri non vogliono più fare. Gli italiani non vanno in Svizzera reclamando una paga uguale a quella che uno svizzero prenderebbe, perchè sanno che lavorano la proprio perchè si accontentano di meno e perchè sanno che in Italia prenderebbero una volta e mezza meno. Sanno che lavorano là perchè sono "sfruttati" perchè le fabbriche lavorano pagando meno la mano d'opera. Gli italiani sono contenti di lavorare così. Le lavoratrici straniere che vengono in Italia o non sanno fare i conti o sono autolesioniste e vogliono farsi del male. Se qui non piace o non è abbastanza pagato basta andare in Svizzera dove si prende di più.

      Elimina
  15. il problema non è 15 giorni di malattia è che poi la famiglia si deve tenere in casa la badante e ha due persone da curare l'anziano e la badante con un'altra badante. Prendete solo gente che ha una residenza fuori da casa vostra e assumete solo persone che vengono dalle agenzie. Il fai da te eè sconsigliatissimo per esperienze negativissime fatte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fare da soli si guadagna minimo 20 mila euro l'anno, tenetene conto.

      Elimina
  16. La badanti non può calarsi in letto se sa malata, cosa pensate sia robotto?

    RispondiElimina
  17. La badante prende soldi solo dal datore di lavoro

    RispondiElimina
  18. Avere una badante in casa non e un OBLIGO! e una scelta della famiglia. prendete in casa vostra i GENITORI e avete cura di loro senza pensare che vi rovinano l"esistenza o che perdete la vostra liberta.chi decide di avere in casa una badante deve sostenere anche le spese Vuol dire PERMETERSI!!!
    O magari provate a vedere quanto costa portargli in una casa di riposo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. badante 1000 euro mese nudi e crudi per 14 mesi (12+ tredicesima e TFR) contributi anno 3000 uguale 17.000 Euro.
      spese di riscaldamento, acqua, luce, vitto. 52 domeniche abolite, il mese di ferie in casa al posto della badante. Innumerevoli ore di supporto alla badante. Ho preso la prima che ho incontrato su http://www.lacasadiriposo.it/
      una a caso, ce ne saranno che costano di più e altre che costeranno meno, ne conosco qualcuna da 1500 euro mese gestite da istituzioni religiose.
      http://www.lacasadiriposo.it/il-faggio-rosso-casorate-sempione.shtml
      (60euro giorno poi ci sono gli accompagnamenti e i contributi di stato)
      ... lo scorso anno, solo di riscaldamento, ho speso oltre 6000 Euro.
      Poi potete scegliere una badante italiane (ce ne sono sempre di più con la crisi che c'è e parlano e cucinano italiano e hanno abitudini, modi di fare e di intendere italiano che per un anziano sono sempre un vantaggio e magari parlano anche il dialetto della zona.

      Elimina
  19. e' ora che si cominci ad assumere gente italiana

    RispondiElimina
  20. comunque o italiane o di altro paese, importante che facciano il loro lavoro e che rispettino chi ha bisogno di loro, il resto e' solo fuffa...sono persone che lavorano e pertanto vanno rispettate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le famiglie hanno bisogno della badante ma anche la badante ha bisogno di un lavoro altrimenti se ne starebbe a casa propria a curarsi la propria famiglia

      Elimina
  21. comunque o italiane o di altro paese, importante che facciano il loro lavoro e che rispettino chi ha bisogno di loro, il resto e' solo fuffa...sono persone che lavorano e pertanto vanno rispettate

    RispondiElimina
  22. e' ora che si cominci ad assumere gente italiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. basta proporsi. una famiglia bada a costi e disponibilità (chi viene dall'estero, anche se non vuole, non avendo ne casa ne famiglia a meno motivi per avere necessità famigliari sue). Il buono e il cattivo poi si trova ovunque.

      Elimina
    2. con la scusa che le badanti sono libere da impegni, la domenica le badanti fanno le turiste. su facebook le si vedono su macchinoni o motoscafi di lusso, se poi trovano un pensionato in grana sono a cavallo, hanno vinto un terno al lotto.

      Elimina
    3. I certi sindacati pur di sopravvivere si stanno preparando a cose improponibili e quindi a distruggere questo lavoro. Pare che stiano mettendo in trattativa nel contratto anche la quattordicesima.

      Elimina
    4. per me i sindacati possono chiedere anche la casa di proprietà dell'anziano a favore loro e ella badante, noi facciamo i turni basta badanti, basta sindacati.

      Elimina
  23. Le persone troppo spesso confondono, privato, con artigiano e grande industria. Tutti hanno diritto di ammalarsi ma se si ammalano 10 persone di una fabbrica di 1000 persone in quella fabbrica l'uno per cento dei lavoratori è in malattia e la fabbrica mette in conto che a rotazione l'uno per cento si ammali. Un artigiano con 10 dipendenti, quando ha 1 persona in malattia ho il 10% dei dipendenti in malattia. Se una famiglia ha la badante ha il 100% dei dipendenti in malattia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. intendevo "se una famiglia ha una badante che si ammala ha il 100% dei dipendenti in malattia". Credo che una persona quando decide di prendere un lavoro come badante se ne possa rendere conto. Una badante non produce guadagni per la famiglia. Quindi chi decide di lavorare per un privato dovrebbe sapere queste cose e se non se la sente può scegliere altro lavoro o altra nazione

      Elimina
  24. ma io vorrei dire la più semplice delle cose m SE in italia non ci state bene perché dite che è uno stato di merda pero io vorrei ricordare che è lo stesso stato di merda che vi permette di lavorare e portarvi tutti i soldi in romania ed è lo stesso stato che da le pensioni sociali ai parenti degli immigrati che vi paga quando sietein mobilita io direi ma se non ci state bene perché non ve ne tonate in romania a guadagnare 150 euro al mese? penso che se venite qui a pulire gli anziani italiani un motivo ci sara

    RispondiElimina
  25. la mia moglie e stata operata di ernia al disco ,e rimasta in covalescenza x 180 gg ma le ferie vengono pagate x questi gg?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le ferie maturano per tutti anche in malattia perchè comunque i contributi anche in malattia si pagano

      Elimina
    2. occorre capire se una famiglia al rientro di una convalescenza (6 mesi, 180 giorni, il massimo consentibile, accetti di tornare a dar lavoro alla medesima persona)

      Elimina
  26. io vi voglio racontare la mia che mie suceso.o lavorato a un circolo sportivo per 3 anni al nero,sono caduta o fatto una ernia de disco,con 15 giorni di malatia non miano pagato niente,dopo un giorno ritorno a lavoro e il datore mi chede a spostare i sachi di box e mi sono riblocata la schena,niente di che ma mandato acasa e dopo 5 giorni mia cambiato lavoro a un altro circolo dove lavoravo con i bambini,o lavorato altri 2 anni e mi sono andata via perche non mi pagava,adeso o trovato un altro lavoro comme badante ,lavoro da 11 agosto e ancora non miano pagato tutto fino al 1 setebre perche mi anno meso in regula a termine indeterminato pero.....io lavoro martedi 12 h,jovedi 12h,venerdi 10h,sabato 11h e domenica 11h per un totalle di 56 ore setimanale e il datore di lavoro a messo solo 25 ore sul contrato con 700 euro al mese,il malato sta sofrendo di ischemie,3volte volevo andarmi via da questo lavoro perche io sono una persona multo sensibile e non suporto a vedere come prede i schiafi da la sua figlia e il suo genero.che posso fare datemi un consiglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non puoi farti carico anche delle famiglie degli altri. Cerca di fare contratti regolari per te. innanzi tutto le ore massimo da lavorare ogni giorno sono 10 e massimo 54 alla settimana per badanti. la paga minima è 959 Euro mese.
      Ischemia vuol dire che è paralizzato e non si può pretendere più di tanto, sarà difficile anche da muovere ma l'ASL passa il sollevatore.

      Elimina

Quando un singolo post ha oltre 200 commenti, quelli eccedenti i primi 200, non vengono subito visualizzati. Per leggerli tutti è necessario cliccare qui sopra (quando viene inserito) il link:
"Carica altro..."